Sochi: tutto pronto per le XXII Olimpiadi Invernali

immagineSOCHI (RUSSIA) - A meno di 24 ore dalla cerimonia d'apertura, tutto è pronto per le Olimpiadi Invernali. Tra record storici e maxi investimenti si nascondono però tante ombre.
Dopo aver percorso 64.375 km  la fiaccola olimpica arriverà a Sochi alle 20.14 di venerdì 7 febbraio per dare inizio alle XXII Olimpiadi Invernali. Viaggiando su aerei, treni, slitte trainate da renne e persino nello spazio (fino alla stazione spaziale russa) la fiaccola percorrerà la tratta più lunga nella storia dei Giochi Olimpici.

Ma non è questo il solo recor di queste Olimpiadi Invernali. Infatti, quelli di Sochi saranno anche i Giochi più costosi di sempre (50 milioni di dollari di cui 8,7 solo per la nuova ferrovia) e vedranno per la prima volta la presenza della nazionale americana sul suolo russo per un evento olimpico. Infatti, quando nel 1980 Mosca ospitò le Olimpiadi estive, gli Usa e altri 50 paesi boicottarono i Giochi per protestare contro l'invasione russa dell'Afghanistan.

Record anche per il numero delle mascotte: cinque in totale, scelte tra 24.000 proposte. Alla fine l'hanno spuntata il leopardo delle nevi (che vive sulle montagne innevate del Caucaso, impersona il soccorritore e l'alpinista montano e l'amante dello snowboard), l'Orso bianco (orso polare a rappresentazione dello sci, del bob e dello slittino, del pattinaggio e del curling) e il Leprotto (esuberante, giocoso, ama quello che fa). Infine, per le Paraolimpiadi, sono state scelte Luchik (che significa "raggio di sole") e Snezhinka (cioè "fiocco di neve").

I record hanno però alimentato anche numerose critiche nei confronti di Putin. Innanzitutto, Vladimir Putin, un oligarca russo tra i principali promotori delle Olimpiadi invernali, ha accussato il presidente russo di aver gonfiato i costi dei Giochi e di corruzione. Tante sono poi le storie di case rase al suolo per far passare la strada, di abitanti sfrattati e imbrogliati, di disastri ambientali, di abusi sulla manodopera degli immigrati. Infatti, Sochi è una famosa meta turistica estiva sul Mar Nero e per creare il parco olimpico la città è stata completamente rivoluzionata.

Niente a confronto delle pressioni esterne che sono piovute sulla Russia a causa delle leggi anti omosessuali. Prima ci sono state le defezioni delle star e poi le minacce di alcuni governi - come quello tedesco - di non prendere parte alla cerimonia d'apertura. Gli Stati Uniti, dal canto loro, hanno dichiarato che nel loro team saranno presenti due atleti gay, sfidando così apertamente il governo russo.

E infine ci sono anche gli attentati terroristici a rendere la situazione ancora più incandescente.Gli attacchi delle "vedove nere" a Volvograd a gennaio, hanno mostrato a tutto il mondo quanto radicati siano i problemi della confederazione russa. 

L'articolo originale è pubblicato su Vivere Italia del 06/02/2014

Commenti

Post popolari in questo blog

I mestieri del volley: scoutman, Fabio Tisci

Ginnastica Artistica: la forza del singolo

Mi fido di te: Maggie e Luciana Do Carmo