Tennis: terza finale consecutiva agli Australian Open per Errani e Vinci

immagine

MELBOURNE (AUSTRALIA) - Le "cichis" azzurre si impongono in due set (6-1, 6-4) sulla coppia Peschke-Srebotnik e si aggiudicano la terza finale consecutiva agli Australian Open. Le italiane saranno chiamate a difendere il titolo conquistato lo scorso anno contro la coppia russa Makarova-Vesnina.
Per Sara Errani e Roberta Vinci quella di venerdì si tratta della terza finale agli Australian Open nel doppio femminile. La coppia numero uno del mondo, che difende il titolo conquistato lo scorso anno, ha battuto infatti in semifinale la coppia formata dalla ceca Kveta Peschke e la slovena Katarina Srebotnik, teste di serie numero 6, con il punteggio di 6-1 6-4. Una partita a senso unico che ha visto le azzurre controllare da subito gli scambi e il ritmo del gioco.

Ad aspettarle in finale ci sono Ekaterina Makarova e Elena Vesnina, teste di serie numero 3 che avevano battuto le "chicis" nelle semifinali del Master WTA di Istanbul lo scorso ottobre e nella finale del Roland Garros della scorsa stagione.

Per Sara Errani e Roberta Vinci è la sesta finale di Slam in doppio: hanno vinto tre titoli (Roland Garros e US Open nel 2012 e Australian Open nel 2013).

Nel singolare si delineano invece le semifinali sia del torneo maschile che femminile. Per quel che riguarda le donne, le quattro finaliste sono dei nomi poco scontati: dopo l'eliminazione di Sharapova, Williams e Azarenka, in campo per un posto in finale ci saranno Li Na contro Eugine Bouchard e Agnieszka Radwanska contro Simona Halep.

Meno sorprese tra gli uomini: a parte la sconfitta del campione uscente Nole Djokovic, si contenderrano le semifinali Rafael Nadal contro Roger Feder, in un match che è ormai un classico del tennis, e la vera sorpresa del torneo, Stanislas Wawrinka contro Thomas Berdych.  

L'articolo originale è pubblicato su Vivere Italia del 23/01/2014

Commenti

Post popolari in questo blog

I mestieri del volley: scoutman, Fabio Tisci

Mi fido di te: Maggie e Luciana Do Carmo

Ginnastica Artistica: la forza del singolo