Pattinaggio: bronzo europeo per Carolina Kostner

immagineBUDAPEST (UNGHERIA) - Agli Europei di Budapest sulle note del Bolero, Carolina Kostner si aggiudica il bronzo in un podio dominato dalle giovanissime russe Lipnitskaya e Sotnikova.
Dopo la terza posizione nel programma corto, a Carolina Kostner non basta il Bolero per trionfare agli Europei di Budapest. Infatti, sulle note della musica sulla quale aveva vinto l'oro a Zagabria dennla scorsa stagionr, l'altotesina non riesce a conquistare i giudici: certo è espressiva, spontanea e con una sequenza di passi che continua a lasciare senza fiato; Il programma però, tecniamente non vale quello delle giovanissime rivali - le due giovanissime russe Lipnitskaya e Sotnikova - e soprattutto pesano un paio di errori, un loop che da triplo diventa doppio e una caduta sul primo salto della seconda combinazione, un triplo toeloop che le valgono il punteggio di 191,39p.
Per l’azzurra si tratta comunque della nona medaglia europea consecutiva (cinque ori, due argenti e due bronzi), successo che le permette di eguagliare il record della oggi 34enne russa Irina Slutskaya (1996-2006).

Ora l'altotesina guarda all’Olimpiade di Sochi, dove conquistare una medaglia sarà difficile, ma non impossibile. Alla lista delle pretendenti, sudcoreana Yu-Na Kim e giapponese Mao Asada su tutti, si devono ora necessariamente aggiungere anche due russe che a Budapest hanno preceduto Carolina: la 15enne Julia Lipnitskaya e la 17enne Adelina Sotnikova, rispettivamente oro (209,72p sulle note di Schindler’s List di John Williams) e argento (202,36p).

L’europeo in terra ungherese ha visto anche la splendida vittoria di Anna Cappellini e Luca Lanotte nella danza, e le buone prestazioni di altre due azzurre Valentina Marchei che con il punteggio di  165,25p ha conquistato la sesta posizione e Roberta Rodeghiero, undicesima con 141,25p.

L'articolo originale è pubblicato su Vivere Italia del 20/01/2014

Commenti

Post popolari in questo blog

I mestieri del volley: scoutman, Fabio Tisci

Mi fido di te: Maggie e Luciana Do Carmo

Ginnastica Artistica: la forza del singolo