Tennis: Errani e Vinci si riconfermano regine degli Australian Open

immagineMELBOURNE (AUSTRALIA) - Sara Errani e Roberta Vinci si impongono in tre set (6-4, 3-6, 7-5) sulla coppia russa Vesnina/Makarova dopo aver recuperato da 5-2 nell'ultima e decisiva frazione. Le "cichis" bissano così il successo dello scorso anno.
Il cielo australiano si tinge nuovamente d'azzurro grazie alla vittoria di Sara Errani e Roberta Vinci, le teste di serie numero 1 che erano chiamate a difendere il trionfo della passata edizione. Al di là della rete la coppia russa, formata da Makarova e e Vesniva, che aveva già dato del filo da torcere alle azzurre e che le aveva fermate in ben due occasioni importanti nel 2013: la prima nella finale del Roland Garros e la seconda nella semifinale del Master WTA di Istanbul. Ma non questa volta.

Il primo set si apre subito con un break delle “Cichis” al terzo game, quando strappano il servizio della Makarova e trovano subito un allungo. Sul servizio della Vesnina, arriva il secondo break azzurro che si portano sul 4-1. Quando il set sembra ormai archiviato, le russe prima difendono il loro servizio a 0 e poi ottegono un controbreak sul servizio di Sara. La rimonta delle teste di serie numero 3 prosegue fino al 5-4 quando finalmente, grazie all' ottimo turno di servizio di Roberta, le azzurre coquistano il primo set (6-4).

Il secondo parziale si apre con la Vesnina che tiene il turno di battuta concedendo solo un punto alla Ciquis e con un break russo dopo un lob lungo di Roberta. Le russe continuano a macinare gioco con colpi sempre più profondi ed portandosi fino al 3-0. Errani e Vinci sentono la pressione e reagiscono inanellando prima un turno si servzio e poi un break che riapre il set (2-3). La rimonta però viene interrotta bruscamente dal terribile turno di servizio di Roberta che per la seconda volta consecutiva non riesce a mantenere (2-4). Con le palle nuove la Makarova tiene agevolmente il servizio ipotecando il set e chiudendo poi il gico con uno smash che vale il 6-3 per le russe.

Il terzo e decisivo set si apre con un primo allungo delle azzurre che cercano di sfruttare al meglio il punto debole delle avversarie (il diritto). Le russe corrono subito al riparo incalzando le Cichis con i colpi da fondocampo che le avevano messe in difficoltà nel secondo set: dopo aver conquistato subito il contro break ed essersi portate sul 2 pari con una volèe di dritto della Vesnina, arriva per le teste di serie numero 3 anche il secondo break consecutivo (su servizio della Vinci). Quando anche Errani perde il turno in battuta, la partita sembra ormai chiusa. Ma è proprio sul 5 a 2 che le azzurre ritrovano il loro gioco e la loro grinta: dopo aver piazzato un break e essersi portate sul 4-5, un doppio fallo della Vesnina apre le porte alla clamorosa rimonta delle azzurre che pareggiano sul 5-5. A far la differenza in questi scambi finali è Errani: i suoi lob sono un’arma micidiale che secretano il sorpasso azzurro sul 6-5. Sotto 0-40, le russe annullano il primo match point, ma poi si devono arrendere al secondo tentativo delle italiane.

Game set e macth: Errani e Vinci si confermano le regine del doppio.

L'articolo originale è pubblicato su Vivere Italia del 25/01/2014

Commenti

Post popolari in questo blog

I mestieri del volley: scoutman, Fabio Tisci

Mi fido di te: Maggie e Luciana Do Carmo

Ginnastica Artistica: la forza del singolo