Colpaccio della KGS a casa della Nordmeccanica

Clamorosa vittoria della KGS che si impone per 3 a 1 contro la più quotata Nordmeccanica Piacenza: dopo aver ceduto nel primo set, le Colibrì alzano le percentuali in attacco e dettano i loro ritmi alla partita. Prova molto positiva di Chirichella, Moreno Pino e Tirozzi, implacabile nei set-point.

Dopo la parentesi delle qualificazioni per le Final Four di Coppa Italia, ritorna il campionato. Nell'anticipo del sabato, la KGS affronta in trasferta la Rebecchi Nordmeccanica Piacenza, squadra che al momento occupa la terza posizione in classifica e che annovera tra le sue giocatrici due vecchie – e amate – conoscenze: Francesca Ferretti e la neo arrivata Martina Guiggi.

A differenza della gara d'andata – vinta comunque da Piacenza con un netto 3 a 0 - Mazzanti può contare oggi su tutte le sue giocatrici titolari ( Bosetti e Meijners in banda, Ferretti in regia, Turlea opposto, Nicolini e Leggeri al centro e Sansonna libero). Pistola risponde con Tirozzi e Muresan in banda, Signorile in diagonale con Moreno Pino, Chirichella e Gibemeyer al centro, De Gennaro libero.

Piacenza cerca di prendere subito il largo con un gioco fluido e ben organizzato da Ferretti che serve bene tutte le sue compagne; Pesaro rimane in scia soprattutto grazie alla buona guardia in copertura di De Gennaro e ai troppi problemi in ricezione delle ragazze di Mazzanti (8- 6). Chirichella e Moreno Pino riportano le due squadre in parità (10-10) ma due errori in fast di Gibbemeyer ridanno fiato alle padrone di casa che non si lasciano sfuggire l'occasione per allungare (16-13) sul turno di servizio di Meijners. Quando il set sembra ormai indirizzato, Chirichella fa sentire la sua presenza a muro e con due block consecutivi riporta in parità le bianco-rosse (17-17). Piacenza si scuote con Turlea e Leggeri riportandosi a quattro lunghezze e chiudendo sul 25-19.

Il secondo parziale si riapre sul filo dell'equilibrio con Piacenza che si affida agli attacchi di Nicolini e Bosetti e Pesaro che trova i punti soprattutto dal muro e dalla difesa; sono proprio questi due fondamentali che permettono alle bianco-rosse di prendere un mini-vantaggio di 3 punti (5-8) che dopo la prima sosta tecnica diventa di +8 sul turno di servizio di Signorile (5-13). Il trend del set cambia per mano di Meijners che alza le sue percentuali e permette alla Nordmeccanica di rifarsi pericolosamente sotto (14-17); ci pensa poi Turlea a portare le due squadre in parità e a rimettere in corsa la sua squadra sul 17 pari. Il finale di set è caratterizzato dai tanti errori in attacco da entrambe le parti, errori che fanno procedere le due formazioni punto a punto. Due errori in attacco di Bosetti e un buon attacco di Chirichella danno il set point alla KGS: chiude Tirozzi sul 23-25.

La terza frazione si apre con Pesaro che continua a tenere alte le percentuali in attacco – soprattutto con Chirichella e Moreno Pino - e Piacenza che cerca invece di ritrovare il suo ritmo (5-8). Con Bosetti e Nicolini in difficoltà, Turlea cerca di reagire e riporta le due squadre in parità (11-11). Mazzanti prova a cambiare regia e banda (Radenkovic e Secolo per Ferretti e Bosetti), ma Chirichella è in partita e permette alla KGS di portarsi nuovamente avanti anche grazie ad un nuovo black-out piacentino (12-16). Come nel secondo set, Pesaro spreca nuovamente il vantaggio in due occasioni e permette alla Nordmeccanica di rimettersi in partita sul 17-18 e poi nuovamente sul 21-23. Il muro di Moreno Pino regala il set point alle bianco-rosse: Piancenza ne annulla due ma si deve arrendere all'attacco di Tirozzi che chiude sul 23-25.

Inizio davvero scoppiettante per entrambe le formazioni con una vera e propria battaglia tra centrali con Chirichella da un lato e Leggeri dall'altro; le due formazioni lottano a viso aperto con attacchi potenti e difese spettacolari, ma è ancora Pesaro ad avere una marcia in più e a ritagliarsi un buon vantaggio (6-8); Mazzanti sostituisce nuovamente Ferretti, ma il gioco delle padrone di casa stenta ancora a decollare e la KGS confeziona un break di 5 punti (6-13). Le Colibrì lottano su ogni pallone, e nonostante qualche errore di copertura riescono a mantenere il cospicuo vantaggio sulle paldrone di casa (15-22). Con Bosetti in campo Piacenza prova il ritorno proprio sul rush finale (18-22) ma i 5 match point a favore delle bianco-rosse sono tanti. Chiude nuovamente Tirozzi con l'aiuto della rete (20-25).

L'articolo originale è pubblicato su Vivere Pesaro del 20/01/2013

Commenti

Post popolari in questo blog

I mestieri del volley: scoutman, Fabio Tisci

Ginnastica Artistica: la forza del singolo

Mi fido di te: Maggie e Luciana Do Carmo