Tie Break vincente per la Scavolini contro Modena


La Scavolini si impone con il punteggio di 3 a 2 sulla Lui Jo Volley Modena nella seconda giornata di ritorno. Klineman presa di mira dal servizio modenese si riscatta in attacco siglando 28 punti e trascinando le compagne nel tie break decisivo. Grande prova in ricezione per Paola Croce autrice di recuperi al limite del possibile.



La gara di andata era andata alle ragazze di coach con il punteggio di 3 a 0 ma oggi al di là della rete le modenesi trovano la nuova Scavolini targata Pedullà. Prma del fischio d'inizio i tifosi pesaresi si stringono intorno a Valter Scavolini vittima di un incidente in bicicletta nella serata di sabato. Premiata infine Francesca Mari per il suo impegno e dedizione alla causa dell'Avis: con il suo esempio Francesca ha ispirato molte persone, tra cui molti Balusch.

Starting six d'ordinanza per entrambe le formazioni. Cuccarini schiera Barazza, Aguero, Harmotto, Barboza, Rinieri, Mari, Croce (L). Pedullà risponde con Ortolani, Brinker, Klinaman, Manzano, Ferretti, Okuniewska, De Gennaro (L).

É Modena a partire con più determinazione in attacco e dopo un parziale di 4 a 0 su turno a servizio di Barboza, Pedullà è costretto a chiamare il time out (3-7). Al ritorno in campo le Colibrì tentano la rimonta con i buoni muri di Brinker e Okuniewska su Harmotto poi l'attacco di Klineman (7-8). L'errore di Aguero permette alla Scavolini di trovare la parità. Sono però ancora i pallonetti e le battute corte a creare problemi alle padroni di casa e a permettere alla Lui Jo di riportarsi avanti di tre lunghezze (13-16) con Aguero e Barboza sugli scudi. La Scavolini fa e disfa alternando buone giocate con Klineman a errori soprattutto in copertura a rete. Modena difende su tutti i palloni, mentre Ortolani non è brava a chiudere su muro a uno e Pesaro spreca così la palla del pareggio (20-22). Il muro di Harmotto su Ortolani dà il primo set alle ospiti: (21-15).

Le Colibrì tornano in campo con maggior grinta e allungano subito sul 6-2: Cuccarini chiama subito il time out. L'ace di Ortolani porta le pesaresi a sei lunghezze di vantaggio al primo time out tecnico (8-2). Modena cerca di reagire e Barboza chiude uno scambio prolungato fatto di muri, pallonetti e recuperi da entrambi i lati della rete. Ma è ancora Pesaro a passare meglio in attacco e ad allungare ancora prima di costringere al tecnico modenese a chiamare un ulteriore time out (13-5). Sul punteggio di 20 a 9 però la Scavolini perde la concentrazione e permette alla Lui Jo di recuperare qualche punto (20-12). Ormai il destino di questo secondo parziale è segnato: Manzano con un muro su Barboza dà il set point; chiude Brinker su una free ball. (25-14).

Il terzo set si apre con più equilibrio e con azioni più prolungate grazie ad una copertura più attenta dei pallonetti nel campo pesarese e la grande prova di Croce in difesa per le modenesi (6-8). In campo il gioco si fa più nervoso e Modena permette alle Colibrì di portarsi sotto e poi di trovare il vantaggio quando Aguero cade a terra e intralcia la corsa di Mari (9-8). Le Colibrì colpo su colpo riesco a crearsi un piccolo vantaggio e costringono Cuccarini a due time out ravvicinati (11-8). La sospensione dà i suoi frutti e tre attacchi di Rinieri e l'errore di Ortolani lungo linea portano la Lui Jo nuovamente avanti (12-13). La ricezione bianco-rossa inizia a vacillare, e le modenesi ne approfittano per allungare di tre lunghezze (15-18). Pedullà tenta la carta Ampudia al posto di Okuniewska, ma Klinema continua a litigare con la ricezione e ne' Ortolani ne' Klineman riescono più a chiudere i loro attacchi (15-21). Le Colibrì sembrano in confusione e il terzo parziale se lo aggiudica la Liu Jo con il punteggio di 18-25 dopo l'errore di Ampudia in battuta. Troppi gli errori della Scavolini che regala ben 10 punti alle avversarie.

Come nel secondo set la Scavolini parte nuovamente forte (5-2) con i muri di Manzano e gli attacchi di Brinker. Aguero dimostra tutta la sua tecnica piazzando un lungo linea di tutto polso nell'ultimo pezzo di campo disponibile e poi Rinieri accorcia per il -1 (7-4). Dal 8-5 del primo time out tecnico Rinieri e compagne recuperano sfruttando le troppe disattenzioni in difesa delle bianco-rosse (8-8). E' poi Ampudia, schierata ancora al posto della centrale polacca, a frenare le modenesi con due attacchi vincenti (10-8). Cuccarini decide di parlare alle sue ragazze che al ritorno in campo mettono subito pressione alla avversarie con grandi azioni di difesa e buona copertura al proprio muro. Klineman viene presa di mira dal servizio di Mari e la Liu Jo si rifà pericolosamente sotto (14-13). Una decisione arbitrare cambiata da un guarda linee, dà il via libera alle padroni di casa che siglano un parziale di 5 a 0 sfruttando anche i numerosi errori in attacco delle modenesi (19-13). Klineman si riscatta con due buoni attacchi, ma le ragazze di Cuccarini tentano il tutto e per tutto per recuperare questo set: con Aguero in battuta le modenesi trovano un buon parziale di 3 punti (23-19) e allungano di qualche scambio il parziale. Ci pensa Ferretti con il muro a dare alla sua squadra il set point trasformato da Brinker con un preciso lungo linea che trova Aguero impreparata (25-21).

La partita si decide quindi al tie-break che si apre con il punto di Brinker arrivato dopo un'azione prolungata dove nuovamente Modena mette in mostra le doti difensive delle sue giocatrici. Mini break delle Colibrì (3-0) che costringono a Cuccarini al time out. Il trend non cambia e Klineman mette a segno un muro pesante su Aguero (5-1). E' nuovamente la schiacciatrice americana a buttare a terra il punto del 7 a 3. Si cambia campo sull'errore di Barboza che si riscatta immediatamente (8-4). E' nuovamente Klineman a trovare il punto dopo una azione molto lunga (11-6). Aguero manda il suo attacco fuori, Paggi pasticcia a muro e la Scavolini si porta a meno due punti dal match. L'errore di Rinieri in battuta e l'invasione fischiata a muro alle modenesi permettono alle padrone di casa di aggiudicarsi l'incontro (15-7).

L'articolo originale è pubblicato su Vivere Pesaro del 9/01/2012. La foto di testata è di Danilo Billi per il sito ufficiale della Robur Scavolini Volley.

Commenti

Post popolari in questo blog

I mestieri del volley: scoutman, Fabio Tisci

Ginnastica Artistica: la forza del singolo

Mi fido di te: Maggie e Luciana Do Carmo