Ginnastica Artistica: l'Italdonne stacca il pass per le Olimpidi di Rio 2016

immagineGLASGOW - Missione compiuta! La squadra femminile di Ginnastica Artistica si piazza al quinto posto dei Campionati Mondiali e stacca il pass per le Olimpiadi di Rio 2016.


Il risultato tanto atteso da Glasgow è finalmente arrivato ed è quello che tutti si aspettavano e sognavano: il pass olimpico. Vanessa Ferrari, Carlotta Ferlito, Erika Fasana, Elisa Meneghini, Lara Mori e Tea Ugrin non hanno deluso le attese e hanno messo insieme prove graffianti e precise che hanno permesso alle azzurre di siglare un224.452 che vale la qualificazione diretta alle Olimpiadi di Rio 2016. In testa gli USA con il totale di 236.611, seguiti da Russia (231.437), Gran Bretagna (227.162), Cina (225.127), Italia (224.452), Giappone (223.863), Canada (222.780) e Olanda (222.354).

Il team guidato da Enrico Casella e del suo staff -  Paolo Bucci, Claudia Ferrè e Laura Rizzoli - ha così centrato l'impresa superando anche le difficili situazioni di partenza che vedevano Vanessa Ferrari e Martina Rizzelli in condizioni fisiche assai precarie. E la tensione di giocarsi il tutto per tutto avrebbe sicuramente potuto giocare un brutto scherzo alle più giovani, proprio come era successo alla Romania nel pomeriggio.

Ed invece, nella prima prova alle parallele, Fasana e compagne ottengono un buonissimo 54.332 nonostante l'errore della Mori. Alla trave, le azzurre sono addirittura capaci di assorbire e compensare il passo falso di Meneghini, grazie ad un triplo ex aequo da 13.733 messo a segno da Mori-Ferrari-Ugrin. A siglare il tutto, ci pensa poi Carlotta Ferlito che con 14.233 si piazza quinta nella specialità alle spalle della canadese Black (14.600), delle russe Komova (14.533) e Tutkhalian (14.533), e della tedesca Schaefer (14.300).

E' però il corpo libero a regalare le maggiori soddisfazioni al gruppo azzurro: il 56.398 è secondo soltanto alla Gran Bretagna. Erika Fasana con il personale di 14.466 approda in finale, la seconda dopo quella europea a Montpellier. La qualificazione a Rio si gioca così tutta al volteggio: il 58.290 è il punteggio che permette all'Italia di mettere insieme il 224.452 che le vale il quinto posto ai Mondiali. Un punteggio che ha nello Yurchenko con due avvitamenti da 15.058 di Erika Fasana il vero e proprio sigillo.

Al termine della 12a ed ultima suddivisione di domenica pomeriggio, Carlotta Ferlito (55.665) finisce 16ma nella classifica All-around, aggiudicandosi, così, un posto nella finale a ventiquattro di giovedì 29 ottobre. Mentre resterà fuori Vanessa Ferrari (ritiratasi per la finale a squadre), lasciando a Tea Ugrin (22° con 55.299 punti) la possibilità di gareggiare nella top 24 mondiale al fianco di Simone Biles (USA), Giulia Steingruber (SUI) e della campionessa olimpica Gabrielle Douglas (USA). Confermata Erika Fasana tra le migliori otto al corpo libero (14.466) con il 7° punteggio; out Ferlito alla trave (1a riserva con 14.233) - nonostante l'ex equo con l'olandese Thorsdottir - per via dell'esecuzione. Nel frattempo è stata ufficializzata anche la lista delle otto che hanno ottenuto la qualificazione diretta per Rio: USA, Russia, Gran Bretagna, Cina, Italia, Giappone, Canada e Olanda.

Non ci resta che dire: in campo femminile missione compiuta! Da lunedì in scena ci saranno gli uomini anche loro chiamati a centrare l'obiettivo olimpico.

Qui i link ai video postati sul canale ufficiale della Federazione Ginnastica d'Italia:

Erika Fasana (parallele) 
Carlotta Ferlito (trave) 
Erika Fasana (corpo libero) 
Erika Fasana (volteggio) 

L'articolo originale è pubblicato su Vivere Italia del 26/10/2015

Commenti

Post popolari in questo blog

I mestieri del volley: scoutman, Fabio Tisci

Mi fido di te: Maggie e Luciana Do Carmo

Ginnastica Artistica: la forza del singolo